Cenare presto fa dimagrire, parola di scienziati

cenare presto

Ridurre i grassi, evitare merendine e prodotti confezionati, limitare al minimo i condimenti: sembrano non essere più necessari tutti questi sforzi perché, per perdere peso, a quanto pare basta cenare presto.

La rivoluzionaria notizia arriva dal Cile dove uno studio della dottoressa Patricia Lopez-Legarrea sta rivoluzionando il settore della dietologia. Dopo le 20, infatti, il nostro corpo comincia a rallentare le sue funzioni. In questo momento della giornata diminuiscono il dispendio energetico e le secrezioni digestive.

Si sconsiglia, quindi, di mangiare la sera tardi perché l’organismo farà più fatica a gestire la digestione e lo smaltimento degli alimenti. L’indagine, condotta sulla bellezza di 5.500 persone dagli esperti dell’Università Autonoma del Cile, ha dimostrato che chi cena prima ha una circonferenza della vita minore rispetto a chi cena tardi.

L’indice di massa corporea (BMI) di queste persone misura un punto in meno, che corrisponde circa a tre chili in meno, per una donna alta circa un metro e 65 cm. Responsabile di questo meccanismo sarebbe il nostro orologio biologico che orchestra il ritmo quotidiano dell’organismo.

È come un metronomo che sincronizza tutte le funzioni biologiche con l’ambiente esterno. – spiega nel dettaglio il dottor Jacob Liberman, autore di Medicine of the future – Questo strumento, situato nel cervello, all’altezza dell’ipotalamo, modula le secrezioni ormonali e dà il tempo agli altri orologi del corpo, in particolare quelli situati nel tessuto adiposo che regolano la tolleranza al glucosio.

Mangiare troppo tardi, insomma, va a rompere questo equilibrio perfetto. Naturalmente a fare la differenza è la propria costituzione:  le persone che cenano prima delle 20 non necessariamente hanno gambe più magre, ma sicuramente hanno meno grasso addominale. Stando alla ricerca, il loro girovita, misura 5 cm in meno rispetto a chi cena in tarda serata.

Per potenziare i benefici di questa buona abitudine, lasciare l’auto in garage. Mangiare presto e poi fare una passeggiata dopo cena è davvero un rimedio efficacissimo per mantenersi magri, sani e belli più a lungo. Certo, la dieta, può fare la differenza ma per chi è restio a “tagliarsi i viveri”, queste due alternative sembrano più che valide.

Secondo il professor Takami Sugiyama, in aggiunta, un’ora di guida in meno al giorno farebbe perdere un altro centimetro e mezzo al girovita. Soprattutto se, anziché rinunciare agli spostamenti previsti si sceglie di andare a piedi o in bici. Insomma, a cambiare il nostro aspetto non sono più tanto gli alimenti che scegliamo quanto le nostre abitudini.

Condividilo!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*