Ecomondo 2016, in mostra la forza del riciclo

Ecomondo 2016

Le mille e più cose che è possibile realizzare sfruttando la forza magica del riciclo. E’ stato possibile vederlo in diretta a Rimini dove di recente si è svolta la nuova edizione di Ecomondo, che ha festeggiato i suoi primi due decenni, e che ogni anno raduna tutte quelle aziende che hanno fatto del bio il proprio credo, oltre che il segreto del proprio business.

A ogni modo una vera attrattiva di Ecomondo sono stati i lavori di Antonella Bellina ed Elisa Volpi, fondatrici di DueDiLatte, marchio d’abbigliamento che utilizza, udite udite, filato di latte ricavato dalla trasformazione della caseina; con l’ausilio di tecniche di bio ingegneria davvero all’avanguardia, se ne ricava una fibra naturale molto morbida e idratante.

Magliette e vestiti fatti…di latte sono stati esposti nella mostra “EXNovoMaterials in the circular economy”. Infatti la novità interessante dell’edizione 2016 di Ecomondo è stata proprio la mostra sulla “circular economy” per spiegare come ogni giorno abbiamo a che fare con cose che per noi sono semplici rifiuti ma che, invece, sono fonte di nuove risorse, capaci di assumere una valenza tecnica ed economica, materie prime di approvvigionamento per le industrie.

Oltre ai capi di abbigliamento fatti di latte c’erano anche le creme prodotte dall’azienda piemontese Poliphenolia che utilizzando polifenoli estratti da bucce e semi di uva una volta terminato il processo di vinificazione. Oppure Werner & Mertz riesce a trasformare la plastica già usata in un tipo di plastica più resistente molto utile a diventare contenitori per i detersivi.

E poi c’è Fertilana che produce un fertilizzante da impiegare nella bioagricoltura fatto con gli scarti della lana di pecora. Da Trieste arriva  l’azienda AEPPolymers che trasforma gli anacardi in polimeri liquidi e schiume adatti nel settore dell’arredamento.

Addirittura dai gusci delle uova delle galline può nascere un cemento totalmente biocompatibile: basta chiedere ai ricercatori di Calchéra San Giorgio. Quest’anno durante  Ecomondo 2016 si è svolta la quinta edizione degli Stati Generali della Green economy, e non sono mancati i temi importanti discussi da 64 organizzazioni di imprese con la collaborazione del Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico.

Condividilo!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*